Anonimo Registrati

Martedi 13-Aprile-2021

          

IMPORTANTE

PER INSERIRE IL PROPRIO ANNUNCIO DI MOBILITA' SU LIPOL.IT e FACEBOOK


comunicare :  nome e cognome, posizione professionale, profilo professionale, gli enti di partenza e destinazione, telefono e/o mail, note particolari

  (ogni singolo annuncio, rimarrà visibile online per circa 12 mesi dalla data d'inserimento)

 Inoltre  per i soli colleghi iscritti al nostro sindacato, che ne facciano richiesta, prestiamo piena assistenza nella ricerca della mobilità (anche attraverso i nostri referenti sui territori) e per tutto l'iter burocratico.

Si prega tutti coloro che abbiano ottenuto la mobilità, di darne comunicazione per cancellare la richiesta.

                                                Si ringrazia per la fattiva collaborazione

IL Segretario Generale Nazionale Daniele Minichini


LETTERA APERTA DEI COLLEGHI DI FOGGIA   Stampa questo documento dal titolo: . Stampa

RICEVIAMO, CONDIVIDIAMO E PUBBLICHIAMO LA LETTERA DEI COLLEGHI DI FOGGIA

Sempre più spesso la classe politica locale, per tentare di affrontare l'emergenza sicurezza in città, sta chiedendo all'Amministrazione comunale un segnale che, tradotto in termini concreti, non può prescindere dal discorso Polizia Municipale.

Come già espressamente annunciato da alcuni consiglieri, si richiede l'applicazione del nuovo Regolamento di Polizia Locale da poco varato dal Consiglio. Questo, infatti, prevede che il personale del Corpo di Foggia sia dotato di un'arma di ordinanza ed un primo passo in questa direzione è stato fatto questa estate quando i vigili hanno avuto in dotazione le manette. Il discorso sul coinvolgimento della Polizia Locale per la lotta al crimine a Foggia, però, non può essere affrontato senza tenere ben presente la voce dei diretti interessati che, si badi bene, sono solo i vigili senza grado che operano per strada. E, qui, con questa lettera, i vigili senza grado vogliono dire quello che pensano. Siamo al servizio della città e, per questo, siamo pronti ad ottemperare alle indicazioni che il Consiglio Comunale e il nostro Comandante vorrà impartirci.

La cosa importante è, comunque, non creare false illusioni nei cittadini. Armando i vigili urbani non si risolveranno i problemi legati alle rapine e quant'altro in città. L'esperienza negativa l'abbiamo già sperimentata con il "Patto per la Sicurezza " che, al di là dei proclami politici, non ha sortito alcun miglioramento concreto. Furti, rapine, violenze varie continuano a verificarsi forse anche in maniera più strafottente; vedi i furti nelle chiese. La Polizia Municipale di Foggia conta ben 100 agenti assunti con contratto partime che, nonostante le cause vinte in Tribunale e nonostante la città necessiti, continuano a lavorare a mezza giornata. In termini di numeri il partime toglie praticamente dalla strada ben 30 agenti al giorno. Questa situazione unita ad uno scoramento nei confronti di una classe politica poco attenta alle problematiche non del Comando ma dei vigili persone, crea un affanno considerevole per l'espletamento di quelle che sono, ad oggi, le reali competenze del Corpo. Non essendo molto pubblicizzate, le operazioni che la Polizia Municipale di Foggia espleta quotidianamente sembrano, agli occhi dell'opinione pubblica, cadere nel vuoto, e si resta meravigliati di fronte ai bilanci che annualmente il Comando comunica alla stampa. Sinistri stradali, occupazioni abusive, polizia commerciale, edilizia e, adesso, anche mortuaria e veterinaria, viabilità, notifiche, uffici gestione e verbali sono servizi che la Polizia Municipale tenta di offrire ogni giorno alla città e, a causa di una grave carenza d'organico, dovuta alla condizione di partime, diventa tutto più difficile e, certe volte, impossibile da svolgere. Se armare i Vigili Urbani significa destinarli anche alla prevenzione ed alla repressione delle attività criminali in città, questo provocherà un aggravio di competenze che avranno un effetto negativo sul servizio reso al cittadino. Se oggi, tanto per fare un esempio, per l'intervento su un incidente stradale o su un passo per disabili ostruito occorre attendere 20 minuti, domani ci vorranno 3 ore bene che vada. Le sterili polemiche politiche lamentano il fatto che molti vigili fanno servizi interni d'ufficio e non sono per strada. Ebbene, diciamola una volta per tutte, quei vigili svolgono mansioni importanti tanto quanto i loro colleghi che operano per strada. L'ingresso negli uffici di questi agenti si è reso necessario quando sono andati in pensione oltre una 60ina di anziani marescialli che hanno lasciato vacanti le loro postazioni necessarie, indispensabili e di supporto anche all'operato dei vigili che lavorano all'esterno. Quindi sentire certe affermazioni da parte di politici è solo un tentativo di aggirare l'ostacolo del dovuto contratto partime. Per non parlare della denuncia di un ex assessore alla PM che ha rivelato che i fondi dei proventi contravvenzionali destinati ai Vigili Urbani, per volere dell'attuale Giunta, sono stati deviati per altri lidi. Dopo anni di assenza il Corpo è stato dotato finalmente di un Regolamento e, questo, è un primo passo verso la riorganizzazione interna che potrà portare benefici alla comunità solo con una maggiore consistenza numerica di personale da impiegare: con la conversione ai 100 vigili del contratto a tempo pieno. Cordiali saluti Vigili Urbani senza grado.. ma con professionalità e dedizione da vendere!



Pubblicazione del: 17/10/2011
nella Categoria News


« Precedente   Elenco   Successiva »


Titolo Precedente: RIVA DEL GARDA - DAL 24 AL 26 OTTOBRE 2011 IL FORUM INTERNAZIONALE DELLE POLIZIE LOCALI

Titolo Successivo: NAPOLI - INFORMATIVA DEL COMANDO SU NUOVE TABELLE VESTIARIO

Elenco Generale


LOGIN

  

Registrati

Recupera Password


LIPOL INFORMA

etp